Leggere un pneumatico

Leggere un pneumatico


Un pneumatico è pieno di scritte e sigle, vediamo insieme che cosa significano.

In genere quello che si nota per primo è il marchio es: Bridgestone, indica il produttore del pneumatico.
Sul fianco è presente anche il modello del pneumatico es: T005

Altra cosa essenziale e sempre presente è la misura del pneumatico, nel caso 205/55 R 16 dove 205 Corrisponde alla larghezza nominale della sezione del pneumatico espressa in mm. Nel nostro caso il pneumatico è largo 205 mm.

55 Questo numero è una percentuale che indica l’altezza del fianco in base alla larghezza del battistrada. In pratica l’altezza del fianco è il 55% di 205 mm.

R La lettera indica la struttura della carcassa del pneumatico, in questo caso “radiale”, significa che i cavi tessili della carcassa attraversano il pneumatico da tallone a tallone.

16 Indica il diametro interno del pneumatico i pollici, quindi il diametro del cerchio su cui montare il pneumatico sarà 16 pollici.

Appena dopo la misura del pneumatico sono presenti un numero ed un lettera, sulla misura di esempio è 91 V

91 Rappresenta l’indice di carico, è un codice numerico che corrisponde, su un specifica tabella, al carico massimo, espresso in Kg, che il pneumatico può sopportare alla velocità indicata. Nel nostro caso 91 corrisponde ad un carico massimo per pneumatico di Kg. 615

V Categoria di velocità, questa lettera indica la velocità massima alla quale il pneumatico può portare il carico indicato. Le categorie di velocità vanno da A (la più bassa) a Y (la più alta), con una sola eccezione: H si trova tra U e V. Come per l’indice di carico, ogni lettera corrisponde a un equivalente in km/h.

  • Q: 160 km/h
  • : 170 km/h
  • S: 180 km/h
  • : 190 km/h
  • H: 210 km/h
  • VR: > 210 km/h
  • V: 240 km/h
  • ZR : > 240 km/h
  • : 270 km/h
  • Y: 300 km/h

DOT Sul fianco è indicato anche il DOT ( Department of Transportation) che indica lo stabilimento di produzione, il codice della misura della gomme e per ultimo la data di produzione composta da quattro cifre per esempio il numero “1019” indica che il pneumatico è stato prodotto la decima settimana del 2019. Riguardo la data di produzione l’ETRTO indica come 36 mesi il periodo per il quale un pneumatico può essere considerato pari al nuovo.

Il DOT è nato per agevolare il ritiro dal mercato di eventuali lotti di pneumatici difettosi.

Altra indicazione importante riguarda le omologazioni degli pneumatici per uso invernale. Ad un pneumatico, per essere omologato per l’uso invernale, basta avere impresso sul fianco la dicitura M+S però per essere ritenuto affidabile deve avere anche il simbolo 3PMSF
“Three Peak Mountain Snow Flake” (tre picchi con fiocco di neve). La differenza è molto importante, infatti il produttore può inerire di sua iniziativa la dicitura M+S. Mentre il simbolo
3PMSF può essere presente soltanto su pneumatici che hanno superato dei severi test di trazione sulla neve.


3PMSF